#30ansPyramide

Inaugurata il 29 marzo 1989, la Pyramide del Louvre compie i suoi primi 30 anni e il Louvre la festeggia con un anno di eventi, incontri, musica, fotografia e mostre. Trenta appuntamenti festivi, molti dei quali gratuiti, di scena fino a febbraio 2020.

Cosa fare questa settimana

La Pyramide du Louvre fête ses 30 ans

E' l'icona di uno dei musei più visitati al mondo. Il feticcio di Parigi. La Piramide del Louvre festeggia i suoi 30 anni e il museo organizza un anno di festeggiamenti tra musica, arti e incontri.

Rouge. Art et Utopie au pays des Soviets.

Il Grand Palais fino al 1° luglio si tinge di rosso con Rouge. Art et utopie au pays des Soviets: un'esposizione dalle tinte forti che immerge il pubblico nell'arte sovietica post 1917. #ExpoRouge

Monstres, Mangas et Murakami

Mostri, manga e le opere di Murakami. Ovvero il Giappone più iconico, noir e fumettoso in una mostra tutta da scoprire al Musée en Herbe fino al 22 settembre. Non solo per bambini. Kawaii Kawaii.

Altri eventi in programma

24/03/2019 - 16:30

Rémi Larrousse | Songes d’un illusionniste

Lui è un mentalist. I vostri sogni (e incubi) saranno alla portata di tutti. Illusione, irrealtà e magia nello spettacolo Songes d’un illusionniste di Rémi Larrousse, al Théâtre Lepic. E' tutto vero!

Vasarely - Le partage des Formes

Ipnotica. Ottica. Cinetica. E' la retrospettiva Le partage des Formes dedicata a Victor Vasarely di scena al Centre Pompidou fino al 6 maggio. Per una visione rivoluzionaria dell'arte contemporanea.

La Collection Courtauld & la Collection de la Fondation FLV

Una nuova esposizione immensa per due collezioni magnifiche che uniscono l'impressionismo e l'arte contemporanea. La Collection Courtauld e la Collection de la Fondation Vuitton protagoniste a Parigi.

Van Gogh, La nuit étoilée

Un'immersione sensoriale e totalizzante nell'arte. All'Atelier des Lumières fino al 31 dicembre una nuova deambulazione numerica nelle opere di Vincent Van Gogh: colore e incanto fanno tutt'uno.
26/03/2019 - 20:00

Carla Bianchi / Migrando

Humor italiano in salsa francese per un tema scottante: quello della migrazione. Carla Bianchi torna sul palco fino al 30 aprile con il suo Migrando, monologo poetico e toccante. Da vedere e rivedere.

Caccia a Invader

Chiamatele Invasioni o opere d'arte urbane, il risultato è che Invader è uno degli artisti contemporanei più metropolitani e cool del mondo. Ecco una guida per chi è a caccia di Space Invaders a Paris

Japon rêvé

Un viaggio splendido nell'immaginario comune del Giappone, tra geishe, samurai e ciliegi in fiore. E'Japon Rêvé un'installazione estatica, visiva e sonora all'Atelier des Lumières fino al 31 dicembre.

Musée de la Vie romantique

Non lo conoscono in molti. E' fuori dai giri turistici, nonostante sia a un passo da Pigalle e Montmartre. E' il Musée de la vie Romantique, nel 9° Arrondissement, e visitarlo è un piacevole obbligo.

Chicago Le Musical

Scandalosamente chic. Glamour. Sexy. Perfido e bellissimo. E' il musical culto Chicago al Théâtre Mogador fino al 30 giugno con un super cast e orchestra dal vivo. Profumo di Broadway a Parigi.

Naturellement parisien

Una quindicina di attrazioni, molte iperadrenaliniche, incontri con gli animali, spettacoli di magia e atelier top. I Jardin d'Acclimatation promettono un'immersione nel verde e divertimento a mille.

Basilica di Saint-Denis

A tu per tu con Luigi XVI e Maria Antonietta e con tutti i re di Francia. Siamo a Saint-Denis, nella bellissima cattedrale che contiene più di 70 tombe reali monumentali. Un gioiellino del gotico.

Institut Giacometti

Ha da poco inaugurato a Montparnasse l'Institut Giacometti, un nuovo spazio consacrato alle esposizioni, alla ricerca nella storia dell'arte e alla pedagogia. Il tutto tra opere, ateliers e incanto

Parc de Bagatelle

Segni particolari: verdissimo e bellissimo. E' il Parc de Bagatelle, nel cuore del Bois de Boulogne, un Parco unico nel suo genere che fra roseti, pavoni e cascate d'acqua conquisterà chiunque.

Palais Garnier

Eclettico. Audace. Ricco. Sfavillante. E' il fastoso Palais Garnier, culla del balletto classico, oggi considerato uno dei più bei teatri del mondo. Basta una visita per farsene un'idea. Imperdibile.

Sainte-Chapelle

E' un gioiello dello stile gotico fiorito. Nel cuore de l'Ile de la Cité, la Sainte-Chapelle illumina il visitatore con le sue vetrate coloratissime. Di una bellezza assoluta, merita la visita.

Galerie des Carrosses Versailles

Sontuose, civettuole, bellissime. Sono le carrozze di Versailles, in mostra nella grande écurie del Castello riaperta dopo 15 anni di lavori di restauro. Tra lusso estremo e tecnologia a motore.

Arc de Triomphe

Sguardi all'ingiù per la città. Salire sull'Arc de Triomphe è un'esperienza irripetibile che permette di avere uno sguardo a 360° su Parigi e di avere un insolito tête-à-tête con la Tour Eiffel.

Dove mangiare

EnYaa Saké & Champagne

Un giapponese vero. Minimal e zen negli arredi, incredibile nel gusto. L'unico modo a Parigi per degustare la vera cucina kaiseki, ovvero il meglio della gastronomia nippo. Siamo nel ristorante EnYaa Saké & Champagne, in un vicoletto davanti al Teatro du Palais-Royal. Tenetelo d'occhio, perché tra menu eccezionali, degustazioni di introvabili sakè, e serate con i migliori chef del Giappone sarà come ritrovarsi a Kyoto, nel cuore del Sol Levante. E non stupitevi se all'interno troverete soltanto giapponesi. Dimenticatevi lo street food usa e getta, qui la cucina è iper top.

Restaurant La Bauhinia | Shangri-La Hotel Paris

Asia Orientale, profumo di lime, zenzero e coriandolo. E poi tanto thai pepper e una grattata di tartufo nero. Non siamo in Thailandia, ma nello splendido La Bauhinia il ristorante d'ispirazione orientale nascosto nel cuore dello Shangri-La Paris, il meraviglioso hotel 5 stelle luxe a due passi dalla Torre Eiffel. Non spaventatevi, a pranzo i prezzi non sono da batticuore e il ristorante merita essere assaggiato in tutti i suoi profumi. Mangerete come a Hong Kong e poi uscendo avrete la Parigi più iconica ai vostri piedi.

Malro

Una cucina meticcia, che mescola il meglio dei sapori e dei gusti del Mediterraneo. Da quella italiana, passando attraverso quella greca, libanese, spagnola e pure tunisina. Siamo da Malro, nel cuore del Marais, nel nuovissimo ristorante che porta la firma del super top chef Denny Imbroisi. C'è la pizza, c'è la pasta, ma c'è anche la feta, l'olio greco, l'hummus e il pesce e la carne cucinati alla griglia. C'è soprattutto la bontà degli ingredienti. Ma è lo stesso Denny a parlarcene tra nuovi progetti, libri, salse e nuovi sogni. #Credere.

Itacoa Paris

Dire che è buono potrebbe essere banale, lo si dice già di molti. Aggiungere che lui, lo chef in questione, ha vinto l'ultimo Masterchef brasiliano, potrebbe aggiungere un pizzico di pepe. Sottolineare che la sua cucina mescola profumi brasiliani e gusti mediterranei, dà quel tocco in più al palato. Insomma, siamo da Itacoa, un neo bistrot di ultima generazione in cui divertirsi con tapas, succhi appena spremuti, ingredienti di stagione e pao de queijo da favola. Lo chef si chiama Rafael Gomes e dal suo Itacoa bisogna proprio passarci.